Egidio AMBROSETTI   

 

Il maestro Egidio Ambrosetti nasce il 2 aprile 1956 ad Anagni, antico ed illustre centro del Frusinate, famoso nel mondo con la nomea di "Città dei Papi". La casa natale è nella ridente e suggestiva contrada di San Filippo, dove egli tuttora risiede e che da tempo funge anche da studio fonderia ed esposizione permanente delle sue opere. Ambrosetti, con la modestia e la sincerità tipica dei "veri" artisti, ama definirsi "Autodidatta",  sin dall'età di sei anni scopre in se una grande passione per l'Arte, in particolare una irresistibile predisposizione per la scultura.

Nei primi anni di scuola, infatti, l'alunno Ambrosetti si cimentava nelle materie artistiche, con una tale istintiva disinvoltura, da permettersi di superare agevolmente e brillantemente tutti i temi che la sua insegnante gli proponeva. All'età di 15 anni lascia la scuola dell'obbligo per entrare in un laboratorio per la lavorazione artistica del Marmo. Per cinque anni consecutivi, studia con grande interesse e completa dedizione, le tecniche e le specie della scultura marmorea.

A 20 anni, inizia a collaborare con il grande scultore Maestro Tommaso Gismondi, dal quale apprende la difficile tecnica della lavorazione (fusione) del bronzo, affinando nel contempo le sue capacità di modellazione. Rimane per dodici anni con l'insigne scultore, dal quale apprende tutti i segreti e tutti i fondamenti di questa nobile e sublime arte.

Nel 1988, all'età di 33 anni, si accomiata dal suo maestro perché sicuro delle capacità acquisite e conscio di sapersi conquistare una propria personalità nel campo artistico. Ambrosetti esordisce con una propria "Personale" a Fiuggi Fonte (FR) il 31 luglio 1988.

Scaturisce subito un grande interesse, per questo giovane e pressoché esordiente scultore, da parte della stampa e della critica, con numerosi apprezzamenti e lusinghieri consensi.

Dopo i primi importanti riconoscimenti anche a livello nazionale, Ambrosetti aderisce alla corrente artistica "Apletismo", fondata dal Prof. Giuseppe Bellincampi, un movimento culturale - intellettuale che propugna semplicità, schiettezza, immensità, grandiosità nella creazione artistica.

A questa corrente hanno aderito tra gli altri: De Chirico, Annigoni, Grassi, ed altri celebri personalità dell'arte. Dal 1994 il nome e le opere del Maestro Egidio Ambrosetti figurano su celebri cataloghi quali "Mondadori", "M.D.F.", "Artenova", nonché sulla prestigiosa "Enciclopedia Treccani". Attività ed opere dell'artista sono state spesso proposte in questi ultimi anni anche a mezzo di servizi radio-televisivi.

Ambrosetti ha una particolare devozione per Padre Pio da quando ebbe una "Visione" del Frate con le stimmate, il quale gli ordinò di realizzare un suo busto-ritratto, opera che oggi si trova dinanzi alla "cella" del Santo a San Giovanni Rotondo. In virtù di ciò, oggi il maestro Ambrosetti è definito ovunque "lo scultore di Padre Pio", per le decine di statue da lui realizzate in Italia e all'estero.


La genialità ed il talento sono gli attributi inconfondibili che distinguono il vero Artista dall'artefice comune: genialità per il sentimento con cui concepisce l'opera, talento per lo stile con cui realizza il suo lavoro. Dall'armonioso connubio tra il sentimento ispiratore e lo stile creativo nasce il capolavoro. E nell'arte di Egidio Ambrosetti, che è un piacevole connubio tra bellezza di stile e forza di sentimento, il capolavoro è onnipresente.

 

Tra le maggiori opere realizzate ricordiamo

1984 Per il Santuario di Sant'Anna, nella città di Lettere (NA), ha modellato due gruppi bronzei, raffiguranti scene della vita di Cristo, nonché un crocifisso e due candelabri per l'altare maggiore.

1988 Per Acquaviva delle Fonti (BA) la croce "a stile"; e per una cappella gentilizia di Fiuggi (FR), un altorilievo ed una cancellata.

1989 Per la chiesa parrocchiale dei SS. Filippo e Giacomo in Anagni un portale bronzeo.

1990 Per il Convento dei frati minori cappuccini di Cosenza ha realizzato una statua di due metri raffigurante S. Francesco d'Assisi, Patrono d'Italia.

1991 Per la chiesa di San Giovanni Evangelista in Carpineto Romano (Rm), una porta in bronzo, in occasione del centenario dell'Enciclica papale "Rerum Novarum" di Leone XIII.

1992 Per la città Montorio Romano (Rm) ha modellato una statua a grandezza naturale di Padre Pio. Per il decennale dell'eccidio del Gen. Dalla Chiesa una medaglia commemorativa per la manifestazione svoltosi ad Anagni (Fr). La medaglia per il Comune di Massafra (Ta).

1993 Per la scuola allievi sottufficiali Carabinieri di Velletri (Rm), ha modellato il "crest", di cui il primo esemplare è stato donato al Presidente della Repubblica. Per l¹Università di Bari la medaglia per il XXV di fondazione. Un busto della serva di Dio Santina Campana per la casa natale di Alfedena (Aq). Per l'Ente Provinciale del Turismo di Frosinone il Premio Nazionale "Riuso dei Castelli".

1994 Per il Convento dei Cappuccini di San Giovanni Rotondo (Fg) crea un busto di P. Pio posto accanto all'ingresso della cella del frate. Per la compagnia dei Carabinieri di Anagni (Fr) forgia il "crest", la targa della caserma e un bassorilievo della "Virgo Fidelis". Per la parrocchia di S.
Filippo di Anagni (Fr) un busto del Parroco Don Armando Trisinni. Per il 50° anniversario della battaglia di Cassino conia la medaglia commemorativa. Per la città di Atessa (Ch) una Statua di Padre Pio.

1995 Un busto in bronzo di Padre Pio per la città di Succivo (Ce). Per la Banca di Credito Cooperativo di Atessa (Ch) il busto del fondatore Don Ginnico. La medaglia per il nuovo crest per la Scuola Sottufficiali Carabinieri di Velletri (Rm). Una statua di Padre Pio a grandezza naturale
per la città di Pentone (Cz). Per Sorano (Gr) una statua di due metri raffigurante "La Madonna" alla quale ha dato il nome del luogo "Madonna di Montebuono". Per Montescaglioso (Mt) una statua di Padre Pio a grandezza naturale. Per il santuario dell¹Addolorata a Sorano (Gr), un portale in bronzo 370x200 cm.

1996 Il fonte battesimale per la Chiesa della Madonna del Carmine a Lattarico (Cs). Per il sesto anno consecutivo ha coniato la medaglia per il premio internazionale "Rocca d'Oro"di Serrone. Per la Fonte Anticolana di Fiuggi un cavallo rampante H cm 130.

1997 Un portale di 12mq per la chiesa parrocchiale dell'Immacolata di Porto S. Stefano, Monte Argentario (Gr). Una statua a grandezza naturale di P.Pio per la città di Pontecagnano (Sa). Un gruppo bronzeo raffigurante la "tormenta dalla roccia" per il Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Frosinone.

1998 La medaglia concistoro pubblico in Vaticano, per la nomina del Cardinale Dario Castrillon Hojos. Una statua di Padre Pio per la città di Ciampino (Rm). Un Œaltra per la città di Arce (Fr). La medaglia ufficiale per la Provincia di Frosinone. Il Premio Int.le Padre Pio a San Giovanni
Rotondo (Fg). Riceve per meriti artistici il "Premio Apulia"a Corato (Ba). Una statua in bronzo di Padre Pio per Amorosi (Bn). Ancora una statua di Padre Pio, H cm 200 per la città di Anagni (Fr).

1999 Per la città di Ardea (Rm) una scultura equestre h. cm 150 "Forza e Libertà". Conia le medaglie distintivi per la Polizia Municipale di Anagni. Una statua di Padre Pio altezza naturale per il Santuario di Notre Dame di Laghet in Francia nei pressi di Nizza. Altre del Beato Padre Pio per le città di Toretta de Crucoli (Kr), Torrecuso (Bn), e Ferentino (Fr). La medaglia per l¹Associazione Panificatori della prov. Di Frosinone. Per la città di Porto S. Stefano (Gr), realizza una monumentale scultura h. cm 350 dedicata ai caduti del mare dal titolo "Tromba marina". Per 2080 distretto del Rotary International conia una medaglia commemorativa. Ancora una statua
del beato Padre Pio per la città di Ajello Calabro (Cs). Riceve l¹incarico per creare la scultura del "Premio Barocco" città di Gallipoli. Per la città di Roccasecca realizza un busto monumentale dell¹attore Totò nonché la scultura per il 1° premio "Antonio de Curtis". La scultura per il "Premio
città di Sora". Per lo stesso comune la medaglia ufficiale.

2000 Ottiene per meriti artistici dall¹Accademia "Federico II di Svevia" Corato (Ba) il "Premio Internazionale Millenium". Per la scuola Marescialli Carabinieri di Velletri (Rm), conia la medaglia commemorativa dell'eroe Salvo D'Acquisto. Una statua di Padre Pio per la città di Pescara, ed una per la città di Monterotondo (Rm). Il 31 Maggio, Ambrosetti ha l'onore di essere ricevuto per la seconda volta in udienza da Giovanni Paolo II, al quale dona un'opera. Un busto del Beato Padre Pio nella Chiesa Regina Pacis Fiuggi (Fr). Per il secondo anno consecutivo gli viene confermata la commissione della scultura per il "Premio Barocco". L'importante manifestazione, a partire da questa edizione, viene trasmessa in diretta in prima serata su RAI UNO.

2002 Realizza su incarico dei frati cappuccini S. Giovanni Rotondo la statua ufficiale della canonizzazione di S.Pio da Pietrelcina, l'opera prima, benedetta dal Santo Padre in Vaticano e successivamente collocata sull'altare maggiore del Santuario Madonna delle Grazie. Per il convento dei cappuccini di Pietrelcina la medaglia ufficiale della canonizzazione di S. Pio. Alcune statue di S.Pio per le seguenti città: Nichelino (To), Carlentini (Sr), Ferentino (Fr), Pezze di Greco Fasano (Br), Agnana Calabra (Rc), Guardino (Fr), ed ancora un busto del Santo nella chiesa di S.Rocco a Matera. La medaglia commemorativa di S. Carlo da Sezze (Lt). Il Premio
Barocco Gallipoli Rai Uno. Il premio per il Festival Internazionale del Cinema di Salerno. Un monumentale altorilievo nel centro don Franco Picco nella città di Lesiona (Biella).

2003 La scultura per il Premio Carnevale di Gallipoli, la quale immagine è stata stampata sui biglietti della lotteria nazionale del carnevale. La monumentale Via Crucis (quindici formelle cm 50x50 in bronzo) ad Anacapri (Na) collocata lungo il sentiero del Monte Solaro che sovrasta l'isola. Per la città di Castiglione Cosentino (Cs), il ritratto dell¹On. Giacomo Mancini, collocato in una piazza a lui intitolata. Una statua di S.Pio a S.Angelo in Theodice (Fr) ed una per Borgia (Cz). Riceve il premio internazionale "cultura di ieri e di ogg"alla carriera, a Reggio Calabria.
Crea la scultura per il Premio Internazionale "Bonifacio VIII" Città di Anagni. Il primo esemplare di detta opera è stato consegnato a SS. Giovanni Paolo II, cittadino onorario della "Città dei Papi". Per la Camera di Commercio di Frosinone, realizza i bustini di Marco Tullio Cicerone. Esegue
poi una statua di S. Pio nella città di Gallipoli (Le), un bassorilievo raffigurante S. Francesco Di Paola 70x70 collocato nel Museo del Santuario a Paola (Cs). La medaglia Crest per il nucleo Radiomobile Carabinieri di Roma. La scultura premio per il Festival del Cinema di Salerno.

2004 Una statua a grandezza naturale in Bronzo, in memoria dell'Industriale Benito Carrozza a Gallipoli (Le), un busto a grandezza naturale di S. Pio da Pietrelcina per la città di Boscoreale (Na), una statua del Santo di Pietrelcina a Fumone(Fr). Per commemorare il 60° della battaglia di Cassino, realizza "La Campana della Pace"h. cm. 70. L'opera è stata collocata nella località di
S. Angelo in Theodice (Cassino), sulla linea del fronte "Gustav" nella città martire. Ha coniato, infine, la medaglia ufficiale della Presidenza della Regione Lazio.Un Bassorilievo per l'azienda Agusta costruttrice di elicotteri.

2005 Una statua di S. Pio per la città di Giarre (Ct).Una statua monumentale h. 2m. raffigurante l'eroe dell'Arma dei Carabinieri V. B. Salvo D'Acquisto, l'opera prima benedetta in piazza San Pietro, da S.S. Giovanni Paolo II e poi collocata in una piazza di Passoscuro - Palidoro, Fiumicino (Rm), luogo ove l'eroe si immolò per salvare 22 ostaggi durante l'ultima guerra mondiale. Un busto a grandezza naturale in memoria di Mons. Amleto De Angelis già Vescovo della Diocesi di Diana in Brasile, collocato ad Artena (Rm), sua città natale. Il premio "Galà della Comicità", RAI UNO a Fiuggi (Fr).un'imponente stratua di Padre Pio per la città di Pisticci (Mt). Il premio nazionale "Città di Fiumicino"(Rm).Un Monumentale Altorilievo dedicato a San Francesco di Paola, collocato nella piazza del faro dell'isola di Capri (Na).La medaglia per la XVIII Comunità Montana a Segni (Rm). La medaglia per il 70° anno dalla fondazione della città di Colleferro (Rm). Il premio internazionale "Gran Galà dello Sport" ad Alghero (Ss) La medaglia e la targa rappresentativa della Ragione Lazio. Il Monumento ai caduti di Nassirya collocata nell'omonima piazza a Fiuggi Fonte (Fr). Il premio nazionale Orlando Petrucci Confartigianato di Frosinone. Il premio per i 100anni del giornale "Fiuggi". Un monumento a Padre Pio in per la Città di Banager Irlanda.

2006 Il premio "Cento anni del Giornale di Fiuggi", premio "Ciociaria" Frosinone, il monumento all'eroe della prima guerra mondiale Enrico Toti per la città di Cassino (Fr). Monumento ai caduti di Nassirya città di Colleferro (Rm) Monumento all'immigrazione moderna "dalla scoperta alla riscoperta" collocato in una piazza di Santo Domingo

In fase di realizzazione: Il monumento alla memoria di Juan Bosh, Presidente della Repubblica Domenicana, il quale verrà collocato all'ingresso della città caraibica di Santo Domingo. Due opere monumentali per il comando regionale lazio della guardia di finanza.

Mostre:
San Salvo (Ch), Alatri (Fr), Fiuggi (Fr), San Mauro Pascoli (Fo), Chiostro Santa Croce (Fi), Chiostro Centro Dantesco (Ra), Terracina (Lt), Galleria Helicon Art (Roma), Massafra (Ta), Gubbio (Pg), Caltagirone (Ct), Ardea (Rm), Villa Miani (Rm), New York, Verona, Porto S. Stefano (Gr), Roccasecca (Fr), Carpineto Romano (Rm), Sasso Marconi (Bo), San Giovanni Rotondo (Fg),
Gorga (Rm), Sarzana (Sp), Castellammare di Stabia (Na), Pignataro Interamna (Fr), Colleferro (Rm), Segni (Rm). Molte sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private di oltre 50 Nazioni.